Stop al percentile per misurare i feti e i neonati

Il percentile era una tabella che misurava lo sviluppo dei feti e dei neonati solamente basandosi sulla regione in cui il neonato si trovava e mettendolo in relazione al tempo trascorso.

Le nuove tabelle, in realtà sono già in uso in 140 paesi, ma riguardano solamente lo sviluppo dalla nascita fino al compimento del 5° anno d’età. Da oggi, invece, questi nuovi standard internazionali manderanno definitivamente in pensione il percentile, dando il via alla misurazione anche di feti in sviluppo e di neonati.

percentile

Percentile – Qual è la novità?

Le nuove tabelle avranno come scopo la misurazione delle varie fasi dello sviluppo, dal feto fino al 5° anno e si baseranno su una corretta nutrizione e sullo status socioeconomico dei genitori; cambiando quindi i parametri da descrittivi a prescrittivi. Inoltre, le tabelle avranno valenza internazionale, ciò significa che non saranno le etnie o le diverse regioni del mondo ad influenzarle, come invece accadeva con il percentile.

In tal modo sarà possibile prevenire per tempo eventuali segni di sovrappeso, malnutrizione o deperimento ed intervenire con tempistiche adeguate al caso.

La rivoluzione arriva dall’Università di Oxford che ha pubblicato l’introduzione delle nuove tabelle sulla rivista “The Lancet”.

Precedente Crisi economica che ancora avanza, stavolta tocca ad Italo ed i suoi treni: a rischio 300 dipendenti Successivo Aereo precipita in mare negli Usa. Ipotesi ipossia per pilota e passeggeri.

Lascia un commento


*