Legalizzare la marijuana perché non fa male

Legalizziamo la marijuana perché non fa male, è questa l’ultima dichiarazione fatta dal noto oncologo Umberto Veronesi, che da anni sta combattendo una propria campagna privata per la legalizzazione delle droghe cosiddette leggere.

Veronesi, attuale ministro della Salute, ha continuato a domandarsi prima come medico e poi come padre di famiglia, se gli effetti collaterali registrati nei forti fumatori di marijuana fossero reali, e la risposta è stata sì, hanno effetti collaterali ma non sono dannosi, anzi secondo il professore sono praticamente inesistenti.  Anche la commissione scientifica a cui ha sottoposto la questione, ha riscontrato gli stessi effetti non nocivi della marjuana. Ad oggi, anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto a tutti i governi attuali di legalizzare l’uso della marijuana per scopi personali.

marijuana

Marijuana – repliche e situazione:

Dure le repliche da parte della comunità di recupero di San Patrignano, secondo cui, invece, un uso costante di marijuana non solo nuocerebbe alla salute, ma provocherebbe un calo costante dell’attenzione oltre che del rendimento scolastico. Secondo il direttore della comunità, le affermazioni fatte da parte del Dott. Veronesi sono molto pericolose in quanto potrebbero danneggiare ulteriormente le famiglie che vivono in questa situazione.

Precedente Volkswagen Golf è l'auto più venduta in Europa Successivo Lavori anticrisi per gli italiani. Ecco chi vince e chi perde

One thought on “Legalizzare la marijuana perché non fa male

Lascia un commento


*