Incentivi fiscali per ristrutturazioni e arredi: quali agevolazioni?

Chi vuole richiedere gli incentivi fiscali per ristrutturazioni edilizie, ha tempo solo fino a fine dicembre 2014 e potrà usufruire di uno sconto del 50% (solo una volta richiesto il bonus indicato) per quanto riguarda l’anno in corso, del 40% nel 2015 e del 36% nel 2016. Quindi si consiglia ai cittadini interessati di usufruire adesso degli incentivi statali 2014 se si vuole ricevere il massimo dei compensi; oppure nei prossimi anni dovrà ristrutturare casa con delle notevoli riduzioni di bonus e utilizzando i propri risparmi per l’ultimazione dei lavori.

incentivi-fiscali-per-ristrutturazioni
Ecco che arrivano anche gli incentivi statali per le ristrutturazioni edilizie e gli arredi per la casa. chi vuole usufruire di uno sconto del 50%??

Queste riduzioni non interessano solamente le spese per le ristrutturazioni, ma anche sulle spese sostenute per l’acquisto di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ per il frigo, e di classe A per il forno, di mobili e di tutto ciò che è stato acquistato per arredare l’immobile soggetto alla ristrutturazione.

La detrazione dovrà essere suddivisa in 10 parti uguali, con lo stesso importo e scadenza annuale. L’importo però non deve superare i 10.000 euro.

Per tutti gli interventi relativi alla manutenzione ordinaria e straordinaria, o recupero edilizio. Verrà utilizzata l’aliquota IVA agevolata del 10% solo se l’abitazione è considerata un’abitazione privata per la maggior parte del tempo.

Incentivi fiscali per ristrutturazioni – analizziamo nel dettaglio le date da rispettare per poter richiedere lo sconto:

  • Per chi ha effettuato spese di ristrutturazione dal 26 giugno 2012, fino al fine di dicembre 2014, potrà ricevere uno sconto del 50%.
  • Per chi ha effettuato spese di ristrutturazione dal 1 giugno 2015, fino alla fine di dicembre 2015, potrà ricevere uno sconto irpef del 40%.
  • Infine per chi ha effettuato spese di ristrutturazione dal 1 giugno 2016, al 31 dicembre 2016, potrà ricevere uno sconto di detrazione irpef del 36%.

Ulteriori informazioni possono essere visualizzate sul sito ufficiale dell’agenzia delle entrate; il quale spiega anche come e quando richiedere le agevolazioni fiscali, a chi aspetta lo sconto e a chi inviare i vari moduli di detrazione compilati.

Precedente Offerta Tre estate 2014 - all-in 800 Successivo Truffa sulle assunzioni Enel in Italia, stiamo attenti!

Lascia un commento

*