Dopo 35 anni ritrovato prezioso dipinto di Rembrandt

Importante ritrovamento del dipinto di Rembrandt, dopo 35 anni di indagini ad opera dei carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale Italiano. Essi sono riusciti infatti a risalire ad un dipinto olio su tela di Rembrandt raffigurante San Luca Evangelista. Questa preziosa opera raffigura un Evangelista assai originale, in quanto lo stesso è stato dipinto con gli occhiali ed abiti scuri, forse il ritratto stesso di colui che l’ha commissionato a Rembrandt nel XVII secolo.

rembrandt
Foto del famoso dipinto di Rembrandt, ritrovato dalle forze dell’ordine.

Opera di Rembrandt – scomparsa e ritrovamento

Lo stesso era stato portato via dalle sale del Castello Cini di Monselice, in provincia di Padova, nel dicembre del 1979 che due anni dopo è diventato di proprietà della regione Veneto. Nella stessa notte erano state rubate anche altre opere che ad oggi risultano ancora scomparse.

Per il recupero è stata necessaria la collaborazione del nucleo speciale dei carabinieri con le autorità francesi, grazie alla quale si è potuto verificare l’esatta ubicazione dell’opera in questione. Anche se un prezioso contributo è stato fornito anche dalla banca dati dei Beni Culturali in cui si trovano attualmente tutte le opere rubate e non ancora ritrovate. Questo archivio consente infatti non solo alla polizia italiana ma anche a tutte quelle europee ed internazionali di attingervi alla ricerca di un indizio che possa portare all’individuazione dell’opera.

Che fine aveva fatto il dipinto di Rembrandt?

Il prezioso dipinto si trovava nelle mani di un ignaro collezionista francese che l’aveva acquistato dopo molteplici passaggi di proprietà del mercato illecito e che aveva successivamente deciso di vendere durante un’asta. È stata proprio questa decisione che ha permesso di identificare il dipinto con l’opera trafugata ben 35 anni prima.

Una volta che l’opera è stata correttamente individuata è stata sottratta alla casa d’asta parigina e il dipinto è stato subito riportato alla Fondazione Cini che si trova sull’isola di San Giorgio di Venezia.

Precedente Disoccupazione giovanile 2014 alle stelle e tutti scappano! Successivo Vacanze agosto 2014 - gli italiani scelgono il car pooling

Lascia un commento

*